Credo di essere cambiata

Il giorno in cui mi hai strappato il cuore in due credo di essermi ritrovata nell’istante esatto in cui ho ricominciato a parlarmi. È stato tutto più chiaro vedendo in fila le parole, una dietro l’altra, mentre le leggevo, queste mi vestivano e mi privavano di ogni cosa fino a che non rimanevo sola con … Continua a leggere Credo di essere cambiata

Respiravi della mia pelle

come se fossi io l’ultima boccata d’ossigeno baciavi il mio corpo come se fosse un frutto mai visto facendone tuo ogni centimetro. Hai presente le scene del primo bacio? C’è quell’attimo in cui gli occhi s’incontrano, uno dei due distoglie lo sguardo per qualche secondo come a ricercare qualcosa, qualcosa che renda quel momento giusto. … Continua a leggere Respiravi della mia pelle

com’è che guardiamo sempre ciò che manca

abbiamo continuamente fame d’altri piatti trascuriamo persino ciò di cui abbiamo appena goduto, sempre in attesa di stelle cadenti, alla continua ricerca di pezzetti di un un futuro appannato che pensiamo sarà sconvolgente. Perché invece di dire che manca qualcosa non partiamo dal dire quanto la vita sia colma di tutte le cose che seppur … Continua a leggere com’è che guardiamo sempre ciò che manca

Dedicato a chi non dice, dedicato a chi sente con estrema forza.

Avevi accumulato talmente tante ferite che ormai le botte non ti facevano più male. Eri diventata immagine ferma in una pozza stagna che i passanti calpestavano senza accorgersene. Eri donna e pensavano di aver qualche diritto su di te ignorando ogni tipo di dovere verso loro stessi e ti dicevano che eri niente. Ma tu … Continua a leggere Dedicato a chi non dice, dedicato a chi sente con estrema forza.